Glossario del sale

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

A

Acido cloridrico, soluzione di HCl: soluzione acquosa di acido cloridrico, importante sostanza chimica che si ottiene dalla reazione del sale (cloruro di sodio) con l’acido solforico.

B

Barra: Dune di sabbia o lingue di terra che separano come una soglia la pianura dal mare aperto (almeno temporaneamente), dando così vita ai paesaggi lagunari.

Bex, Saline de Bex SA (Bévieux): Località della bassa valle del Rodano presso Aigle nel Canton Vaud. Nota per la sua miniera di sale e per la salina. I documenti fanno risalire l’estrazione del sale in questa regione al XVI secolo. L’attuale produzione annua è di ca. 20’000 tonnellate di sale e salamoia. La parte storica della miniera è visitabile.

Blocchi da leccare, blocchi di sale da leccare: sale per uso zootecnico, pressato in cilindri o blocchi (5–20 kg). Vengono collocati nella stalla o nei campi.

C

Carenza di iodio: causa il gozzo (ingrossamento patologico della tiroide).

Carne salmistrata, mettere in salamoia: conservare sotto sale (in salamoia).

Caverna: cavità che si forma nella roccia o, nel nostro caso, nel salgemma, a causa della lisciviazione o dell’estrazione mineraria. A seconda del metodo di estrazione utilizzato la cavità può essere vuota o piena d’acqua o di salamoia.

Cloro: Simbolo Cl, elemento gassoso giallo-verde con numero atomico 17. Questo gas, insieme al fluoro, al bromo, allo iodo e all’astato, fa parte del gruppo degli alogeni (generatori di sale).

Cloruro di potassio, KCl: importante minerale e materia prima per l’industria dei fertilizzanti. Come il salgemma, è un minerale depositatosi con l’evaporazione dell’acqua di mare.

Convenzione sul sale del 22 novembre 1973: Convenzione intercantonale (escluso il Canton Vaud) e con il Principato del Liechtenstein su una regolamentazione unitaria del commercio del sale nei propri territori.

Cupole salifere, diapiri saliferi, diapiri: imponenti strutture di salgemma a forma di cono che si formano per la pressione delle catene montuose e risalgono attraverso gli strati di roccia sovrastanti, in alcuni casi fino alla superficie terrestre. I diapiri possono misurare diversi chilometri in diametro e in altezza. Sono considerati anche «trappole di petrolio» e rappresentano quindi importanti indicatori della presenza di giacimenti petroliferi (Iran, Mare del Nord).

D

E

Elettrolisi cloroalcalina: Le sostanze che si ottengono con l’elettrolisi cloroalcalina costituiscono la base per la produzione di plastica, disinfettanti, sostanze per il trattamento delle acque, nonché sapone e cellulosa (carta). Con l’elettrolisi cloroalcalina dal sale, che è composto da ioni di sodio e di cloro, si ottengono cloro e liscivia. Gli ioni di sodio e di cloro dissolti in un fluido acquoso possiedono cariche elettriche diverse. Fedeli al detto che gli «opposti si attraggono» gli ioni migrano, a seconda della propria carica, verso gli elettrodi positivi o negativi a cui cedono la propria carica. Con questo processo si ottengono il gas cloro e la liscivia.

Evaporite, rocce evaporitiche. Rocce e minerali che rimangono dopo l’evaporazione di acqua, in particolare di acqua marina, come p.es. sale, gesso e calcare.

F

Fisiologica, soluzione fisiologica salina isotonica: soluzione acquosa di sale (cloruro di sodio) allo 0.9% corrispondente al siero ematico.

Fluoro (dal latino fluor: il fluire): Simbolo F, elemento gassoso molto reattivo (e fortemente corrosivo) sotto il profilo chimico; tossico, con numero atomico 9. Il fluoro appartiene al gruppo degli alogeni.

Fonte salata: fonte naturale con un elevato tenore di sale.

G

Glenck, Carl Christian Friedrich (1779–1845): Esperto minerario tedesco e fondatore delle saline. Dopo aver ricercato il sale per anni in Svizzera, nel 1836 Glenck finalmente lo trovò presso l’allora Rothaus am Rhein (comune di Muttenz). Fondatore della salina Schweizerhalle (1837). La Salina Schweizerhalle è oggi sede della Schweizer Salinen AG.

H

Halite: denominazione (cloruro di sodio, NaCl). Il salgemma o halite appartiene al sistema di cristalli cubici. I cristalli presentano una forma prevalentemente cubica e sono completamente fissili. In forma pura è incolore e trasparente. Le impurità spesso conferiscono al salgemma una colorazione gialla, marrone, azzurra o purpurea. Ha una durezza di 2,0 e una densità di 2,16.

Hallstatt, cultura di Hallstatt: Cultura degli inizi dell’età del ferro sviluppatasi nell’Europa centrale ed occidentale e nei Balcani. Venne così chiamata dal comune di Hallstatt (Hall significa sale) nella regione dell’alta Austria detta Salzkammergut, circa 50 km a est di Salisburgo. Dal 1846 si studia in quella zona una necropoli con 2′500 – 3′000 luoghi di sepoltura a incinerazione e ad inumazione e relativi corredi funerari. Già verso la fine dell’età del bronzo si estraeva il sale nella zona di Hallstatt. I cunicoli di scavo raggiungevano la profondità di 330 m.

I

Idrossido di sodio, NaOH: importante prodotto chimico di base. Fabbricato su scala industriale nel processo di elettrolisi cloro-alcalino:

  • 2 NaCl + 2H2O= 2 NaOH + Cl2 + H2.
  • Al catodo (polo +) si formano ioni di idrossido (OH–) e idrogeno (H2)
  • All’anodo (polo -) si forma il cloro.

Impianto di evaporazione per termocompressione: moderno impianto per la produzione di sale di evaporazione. Dopo il processo di evaporazione il vapore (vapore di scarico) viene lavato, compresso meccanicamente e quindi nuovamente riscaldato e riconvogliato come vapore di riscaldamento all’evaporatore.

Iodio, simbolo I, elemento chimico che a temperatura ambiente si presenta sotto forma di scaglie grigio-nere dotate di lucentezza metallica. Lo iodio fa parte degli alogeni. Importante per la funzionalità della tiroide.

J

K

L

M

Merian, Peter: Consigliere basilese e professore di chimica. In uno dei suoi scritti di geologia nel 1821 ipotizza la presenza di giacimenti di sale nella Svizzera nord-occidentale.

Milligrammo: un millesimo di grammo, ovvero 0,001 grammi.

N

O

P

pH, valore di pH: abbreviazione chimica semplificata che indica la concentrazione di ioni di idrogeno di una soluzione, meglio noto come valore di acidità (pH 0–7), neutralità (pH 7) e alcalinità (pH 7–14) di soluzioni acquose.

Piante alofite, alofiti: denominazione di piante che tollerano il sale. Sono presenti esclusivamente in terreni che si distinguono per un tenore di sale relativamente alto (soprattutto cloruro di sodio) superiore allo 0,5 per cento. Tipici habitat sono le coste marine, le paludi saline e le paludi di mangrovie.

Potassio, simbolo K, elemento metallico estremamente tenero, molto reattivo. Fa parte dei metalli alcalini.

Processo di addolcimento (procedimento calcare-solfato-anidride carbonica): purificazione della salamoia, o, più precisamente, addolcimento della salamoia. Precipitazione dei minerali cosiddetti litogeni, come p. es. gesso, cloruro di calcio, cloruro di magnesio presenti nella salamoia.

Produzione della soda: dalle due materie prime sale e calcare si ottengono, con un procedimento industriale tecnicamente complesso, la soda e il bicarbonato di sodio. La soda serve come materia prima per diversi prodotti fra cui il vetro, i coloranti, i detersivi e i detergenti. Con il bicarbonato di sodio si producono invece il lievito in polvere, medicamenti, integratori minerali per la zootecnia ecc.

Q

R

S

Salamoia: soluzione acquosa fortemente salina, acqua salsa.

Salamoia, salamoia satura: soluzione acquosa di sale; la soluzione si dice satura quando il sale che viene aggiunto non si scioglie più.

Saldome: il Saldome 1 e il Saldome 2 sono due capannoni a forma di cupola per l’evaporazione del sale, presso la salina di Riburg. Le due spettacolari strutture in legno hanno una capienza di rispettivamente 80’000 e 100’000 tonnellate di sale. Al momento della realizzazione erano le più grandi cupole lignee d’Europa.

Sale antigelo contro il ghiaccio e la neve gelata sulle strade, detto anche sale da spargere. Sale per il servizio invernale su strade, vie e piazze.

Sale da cucina, sale di evaporazione, salgemma, sale marino, sale, halite: nome chimico: cloruro di sodio (NaCl).

Sale di evaporazione, sale ottenuto da evaporatore, ingl. vacuum salt: espressione tecnica per il sale che si ottiene dall’evaporazione della salamoia, cfr. sale marino (da saline marine), salgemma (di miniera).

Sale iodato, iodato: sale arricchito di iodio; misura profilattica semplice, economica ed efficace per la prevenzione del gozzo.

Salgemma, halite: sale (cloruro di sodio) estratto con tecnica mineraria da giacimenti geologici di sale.

Saline: denominazione di stabilimenti che producono sale dalla salamoia (soluzione salina) o dall’acqua di mare, per ebollizione (sale di ebollizione) o per evaporazione (sale di evaporazione, ingl. vacuum salt) o per evaporazione nelle saline vicino al mare (sale marino).

Saline marine: denominazione di specchi d’acqua di mare creati artificialmente per l’estrazione del sale

Salinità: tenore di sale di una soluzione o delle acque.

Salzkammergut: Regione alpina e prealpina dell’Austria, a est di Salisburgo. Il Salzkammergut è la principale zona di estrazione del sale in Austria.

Schweizerhalle: frazione e zona industriale del comune di Pratteln BL, a est di Basilea, sede della prima salina del Reno (1837), il suo nome, secondo l’uso del tempo, contiene il termine Hall(e), dalla parola greca che indica il sale; cfr. Hallstatt, Hallein, Hall, Halle, Bad Reichenhall, Friedrichshall, Luisenhall ecc.

Soda, carbonato di sodio, Na2CO3: polvere bianca con caratteristiche alcaline, spesso presente in natura anche con bicarbonato di sodio (NaHCO3) (dissolto in laghi salati). Importante materia prima chimica. Fabbricata industrialmente con il processo Solvay (soluzione di cloruro di sodio, ammoniaca in forma gassosa e anidride carbonica).

Sodio, simbolo Na, elemento metallico tenero, molto reattivo, bianco argento. Fa parte dei metalli alcalini.

Stabilimento di gradazione, aumentare la gradazione: Impianto nelle saline utilizzato per la concentrazione (saturazione) dell’acqua a basso contenuto di sale (acqua salsa) tramite la naturale evaporazione.

T

Tassa di regalia: prelievo fiscale sul sale (tassa sul sale).

Tassa sul sale: regalia del sale, tasse di regalia.

U

V

Via del sale: la via preferita del commercio del sale, lungo la quale nell’antichità il sale veniva trasportato dai centri di produzione alle regioni di smercio. L’impero romano disponeva di una rete di vie del sale (viae salariae), lungo le quali i commercianti di sale (salarii) organizzavano i propri commerci. Nel Medio Evo le vie del sale si diramavano in tutti i distretti europei. In Africa (Sahara, Niger) e in Asia (Tibet) vengono tuttora usate le vie carovaniere.

W

X

Y

Z